Benvenuti nel sito degli Arcieri del Bosco

04DEER

 

 

quando 'si diventa la freccia' la capacità di concentrazione aumenta; l'occhio, la mente e i muscoli lavorano in una condizione praticamente perfetta, la freccia sembra trovare da sola la strada verso il bersaglio come se fosse un'estensione di voi stessi.”

 

 

Tratto da “Diventare la freccia, l'arte del tiro moderno con l'arco tradizionale” Di Byron Ferguson e Glenn Helgeland. Ed. Greentime

 

 

 

 

L'uomo è un essere pensante, ma le sue grandi opere vengono compiute quando non calcola e non pensa.

Il tiro con l'arco ora come allora è una faccenda di vita e di morte, in quanto è la lotta dell'arciere con se stesso.

L'arte del tiro con l'arco porta questo con sé: l'arciere affronta se stesso fin nelle ultime profondità.

Un colpo - una vita. In tale colpo, arco, freccia, bersaglio e Io si intrecciano in modo che non è possibile separarli: la freccia scoccata mette in gioco tutta la vita dell'arciere e il bersaglio da colpire è l'arciere stesso.

 

 

Tratto da “Lo Zen e il tiro con l'arco”. Di Herrigel Eugen Ed. Adelphi